Sopraelevazione Edificio Corso Lazio – Frosinone

Sopraelevazione Edificio Corso Lazio – Frosinone

Completamento in sopraelevazione dell’edificio  polivalente in Corso Lazio – Frosinone   Descrizione Progetto L’intervento ha la funzione principale di creare una porzione di struttura da destinare a residenze per anziani, creando dei mini alloggi rivolti a persone anziane che mantengono un certo grado di autosufficienza. Parallelamente si mira ad adeguare strutturalmente ed impiantisticamente la porzione di edificio interessata dall’intervento, con l’obiettivo di migliorare il comfort ambientale interno e i consumi energetici. La proposta per la realizzazione dell’intervento in oggetto è quella di offrire alla popolazione anziana una struttura residenziale con spazi abitativi individuali e/o familiari destinata ad anziani autosufficienti. Per quanto concerne l’assetto esterno dell’organismo edilizio, è stata progettata un’area a parcheggio, un’area attrezzata per gioco, un campo di basket, verde attrezzato con alberi e piante. L’obiettivo principale della progettazione è quello di realizzare spazi abitativi confortevoli, accoglienti e dotati di tutti i servizi. Alla base dell’organizzazione degli spazi si è dunque tenuto conto di quello di cui l’anziano ha bisogno per stimolare armonicamente la propria vita. Sono stati progettati un totale di n° 12 mini alloggi (6 per piano x 2 persone). I due livelli destinati alle residenze hanno una superficie totale di 538 mq. Un elemento costante per tutta la progettazione dell’edificio polivalente è stato il colore e così è rimasto nel progetto della sopraelevazione. La qualità ambientale di una residenza per anziani può migliorare con un uso progettato del colore, riducendo il senso di disagio attraverso la “confidenza” che ciascun individuo riesce ad instaurare con lo spazio che si trova ad abitare. Si è cercato di dare continuità cromatica ai due livelli già realizzati utilizzando un...
Immobile Via Pio IX – Gaeta

Immobile Via Pio IX – Gaeta

Recupero e razionalizzazione dell’immobile di proprietà comunale sito in Via Pio IX destinato ad alloggi ERP nel Comune di Gaeta Descrizione Progetto ANALISI STORICA L’edificio fu realizzato tra il 1850 e il 1853 in occasione degli sventramenti del tessuto medievale della città voluti da Ferdinando II per tracciare le rampe Guastaferri per scopi militari. Il grosso fabbricato sostituì, pertanto, “diruti e meschini casamenti” e fu donato alla città. Denominato originariamente “Padiglione di Città”, fu destinato, nella seconda metà dell’800, a carcere mandamentale con la capacità di ospitare circa 60 detenuti. L’opera è da considerarsi inserita nel piano di trasformazione urbanistica voluto da Ferdinando II nella metà dell’Ottocento allo scopo di realizzare una rampa adatta al trasporto dei cannoni nella parte alta della città, fiancheggiata da tipi di edilizia di origine medievale. Dismesso da tale funzione è stato prima abitato dal personale di servizio dell’Amministrazione Comunale e successivamente (negli anni ’70-’80) sottoposto ad un radicale restauro strutturale. Attualmente è destinato ad alloggi ERP e risulta occupato nella totalità delle unità. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI Il presente progetto riguarda la riqualificazione  del patrimonio abitativo affinché risponda ai nuovi bisogni delle persone e ai requisiti di qualità della casa. Sono state valutate ed analizzate varie tipologie di intervento, al fine di rendere, con gli importi economici disponibili, un’opera congrua e completa in molteplici aspetti soprattutto legati all’abitabilità e condizioni igienico sanitarie oltre che impiantistiche. Interventi progettuali Si parte con una serie di opere di demolizione e rimozione consistenti in: – spicconatura dell’intonaco delle facciate esterne – rimozione di tutti gli infissi esterni; – rimozione degli strati di manto impermeabile, pavimento e sottofondo in...
Scuola Infanzia – Pratovecchio-Stia

Scuola Infanzia – Pratovecchio-Stia

  Realizzazione della nuova scuola d’infanzia a completamento della Cittadella Scolastica   Descrizione Progetto L’intervento progettato, riguarda sia  la progettazione della nuova scuola materna a completamento della cittadella scolastica , per la quale  è stata  definita una struttura in legno, in conformità a quanto previsto dal disciplinare , sia la sistemazione dell’area esterna, il tutto concepito ed integrato all’interno di un progetto più ampio di riqualificazione dell’intera area  per la realizzazione di un parco fluviale lungo l’Arno in vista della futura  realizzazione  di un’area verde esterna alle scuole elementari e l’imminente realizzazione della pista ciclopedonale lungo l’Arno. In conformità a quanto previsto dal disciplinare di gara,oltre che  alle LINEE GUIDA MIUR 2013 (Norme tecniche-quadro, contenenti gli indici minimi e massimi di funzionalita’ urbanistica, edilizia, anche con riferimento alle tecnologie in materia di efficienza e risparmio energetico e produzione da fonti energetiche rinnovabili, e didattica indispensabili a garantire indirizzi progettuali di riferimento adeguati e omogenei sul territorio nazionale)al fine di garantire i massimi livelli di qualità e benessere, sono stati progettati  ambienti didattici innovativi, a partire dalle esigenze pedagogiche e didattiche, attraverso una progettazione eco-orientata e sostenibile in termini globali, ovvero sia dal punto di vista ambientale, energetico, sociale ed economico; tenendo presente la rapidità di costruzione delle tecnologie individuate, riciclabilità dei componenti e dei materiali di base, alte prestazioni energetiche, utilizzo di fonti rinnovabili, facilità di manutenzione;  relazione della soluzione progettuale con l’ambiente naturale, con il paesaggio e con il contesto di riferimento. In particolare, gli spazi verdi e l’ambiente naturale sono stati progettati in continuità o comunque facilmente accessibili agli spazi della didattica quotidiana formando in tal modo...
Edificio Polivalente – Frosinone

Edificio Polivalente – Frosinone

Realizzazione edificio Polivalente per servizi alla persona e centro culturale Descrizione progetto Il progetto per la realizzazione del centro sociale polivalente prevede la costruzione di un fabbricato con una superficie totale di 470 mq per il piano terra, e di 538 mq per il primo piano. La prima scelta progettuale  rilevante è stata quella di realizzare una struttura aperta il più possibile verso esterno, una struttura dotata di ampie bucature, in moda da mettere in contatto l’interno con l’ambiente esterno. In un contesto nel quale sembra che il rapporto con la natura e l’aria aperta sia più limitato, si è deciso di  consegnare agli utenti della zona Colle Timio,  uno spazio “evocativo” di quell’ambiente naturale.  I principi che hanno guidato alla definizione del progetto sono: la leggibilità dell’intervento  attraverso l’utilizzo del colore, la chiarezza di impianto, attraverso la realizzazione di un centro con funzioni polivalenti e indipendenti tra loro; la caratterizzazione degli spazi, attraverso l’utilizzo di forme e materiali precisi, in moda da renderli accoglienti,  e rassicuranti agli occhi degli utenti ; le caratteristiche di qualità degli spazi interni, disegnando degli ambienti indipendenti tra loro ma collocati nello stesso edificio.Un elemento che è diventato costante per tutta la progettazione è stato il colore: l’applicazione corretta del colore all’esterno dell’edificio e in modo particolare in tutti gli  ambienti  favorisce il benessere psicofisico, e le motivazioni dei fruitori, siano essi bambini, genitori, anziani, disabili ed aumenta la qualità ambientale e favorisce la capacità di concentrazione. Un ambiente culturale – formativo – sociale  come quello che dovrà essere dell’edificio polivalente, ha bisogno di un grado di comfort che passa attraverso la percezione...
Realizzazione SPA – Fiuggi

Realizzazione SPA – Fiuggi

Realizzazione di una SPA -Fiuggi- Descrizione progetto Il progetto prevede la creazione di  tre macroaree integrate  ed  indipendenti,  articolate     per  funzioni,  necessarie  alla gestione  ed  alla  ottimizzazione  dei  servizi  e  sono:  l’area  spa,  l’area estetica e l’area spa suite vip  relax.  Una  spa  che  si  caratterizzi  per  un  importante percorso acquatico significa fin dall’inizio dover mettere in conto un alto  costo  per  il  riscaldamento  dell’acqua  che,  per  sperare  nel successo  della  struttura,  nel  periodo  invernale  non  può  essere  a temperatura inferiore ai 32°. La soluzione originale viene allora proprio dalla storia e si chiama hammam, una miscela di tradizioni e moderne tecnologie del calore. Vanno  certamente aggiunte  altre  funzioni  tipiche  di  un  centro  benessere:  l’area  fanghi  termali,    l’area    massaggi,    l’area    cosmetica,    l’area    saune    e, eventualmente, una piccola area fitness per corsi personalizzati.  Questa struttura, così unica nel panorama dell’offerta del benessere termale italiano, può essere di servizio all’adiacente club house del campo di golf  senza  porsi  in  concorrenza  con  le  strutture  spa  degli  alberghi . 9 suites spa vip, vere stanze relax di livello superiore, tutte corredate da servizi esclusivi, quali sauna ad infrarossi e vasca idromassaggio, che potranno costituire un complemento di offerta legata al benessere per gli utenti del golf   e   per quanti   interessati a trascorrere un breve soggiorno   da dedicare a se stessi.  L’ottimizzazione dei percorsi benessere passa attraverso l’adozione di un concept per cui l’armonia tra il corpo e la mente è la vera chiave del benessere.  Sono stati   progettati   pertanto   luoghi   ricchi   di   fascino   e   di atmosfera, dedicati a custodire questo equilibrio, da sempre obiettivo di antiche  civiltà  raffinate .Si è  posto al centro...