Realizzazione di un parcheggio multipiano

Descrizione progetto

Dallo studio dello stato esistente sono scaturite le scelte progettuali tecniche per la risoluzione delle problematiche attuali, definendo un intervento basato essenzialmente sull’esigenza di creare un numero sufficiente di parcheggi a servizio della stazione e di una nuova arteria viaria di collegamento con via Cerveteri. In particolare l’obiettivo del presente intervento è quello di realizzare un centro di interscambio modale, con relativa strada di collegamento, in modo da garantire un miglioramento del trasporto pubblico e  attraverso la definizione di standard qualitativi nell’iter metodologico della redazione del progetto.Lo studio progettuale, con riferimento agli strumenti di pianificazione a livello regionale e comunale, alle situazioni giuridico-amministrative in corso e alle potenzialità esistenti sul territorio, ha portato alla formulazione di una progettazione che possa contribuire a valorizzare in senso produttivo la capacità di sviluppo che l’ambiente racchiude e, pertanto, a contribuire a diffondere una cultura di salvaguardia e tutela dell’area interessata.L’intento è quello di definire un piano organico attento a tutti i valori esistenti o di nuovo apporto capaci di determinare la riqualificazione unitaria dell’ambiente interessato.La progettazione si caratterizza per i seguenti aspetti : valorizzazione  dell’ambiente  costruito attraverso il miglioramento della qualità e dello spazio ; potenziamento infrastrutturale volto alla valorizzazione e allo sviluppo socio-economico; innalzamento del generale livello di servizio dell’intera maglia stradale     comunale. La metodologia prescelta per l’intervento consente quindi sia di valutare le problematiche ambientali in modo funzionale, sia di utilizzare le informazioni sull’ambiente territoriale in modo utile alla pianificazione  e  alla  progettazione.  I percorsi costruiscono un tema strategico nella riqualificazione della scena urbana:Il tema della costruzione di ambiti coerenti; Il tema della mobilità urbana; Il tema dell’accessibilità.Il parcheggio si svilupperà su quattro livelli dove il primo livello è a raso e sarà realizzato con struttura in acciaio, mentre  i solai saranno realizzati con lamiera grecata collaborante con calcestruzzo, materiali aventi caratteristiche tali da garantire una durabilità, riducendo quindi di molto i costi di manutenzione durante la vita utile della struttura.Il parcheggio sarà caratterizzato da una maglia strutturale di 2,50 per 15,00 m, e senza pilastri intermedi tra i posti auto. La misura di 15 metri sarà pari alla somma della larghezza della corsia centrale (metri 5,00) e degli spazi per i posti auto disposti ai lati (profondità cadauno di metri 5,00), mentre la larghezza di mt 2,50 è pari alla larghezza del posto auto. Detta descrizione sarà leggermente differente per il piano terra, dove è assente una fila  per  posti auto.L’altezza sotto trave sarà di 2,20 metri, meno che per il primo livello, dove l’altezza sarà di   2.90 m .I pilastri di acciaio saranno sistemati lungo il perimetro esterno, saranno collocati  agli angoli  dell’elemento di metri 15,00 x 2,50. Tale costruzione darà vita ad un’area di parcheggio libera, senza pilastri, che permetterà la facile manovrabilità dei mezzi.Le travi in acciaio saranno vincolate ai pilastri mediante collegamenti bullonati e saranno disposte ad un interasse di metri 2.50 con una lunghezza di 15,00. Inoltre la struttura sarà dotata un impianto di scarico delle acque pluviali comprendente: canali di gronda ( grondaie ), nei quali convergono acque provenienti dal solaio piano di copertura; le pluviali, colonne di scarico verticali, che ricevono, nella parte alta, le acque provenienti dal solaio piano e gli olii dei singoli piani, che arrivano nell’impianto di trattamento posto al piano terra nell’area di parcheggio ; i collettori di scarico, che raccordano alla base le pluviali, convergendo verso lo scarico finale; con lo scopo di smaltire correttamente le acque meteoriche. I collegamenti pedonali verticali saranno assicurati da un corpo scala a doppia rampa e da un ascensore. Tali ambienti sono stati concepiti come un unico  “blocco isolato” rispetto all’area di parcheggio al fine di renderlo più sicuro, e a prova di fumo. Il collegamento veicolare tra i vari piani garage, invece, sarà garantito da due rampe circolari, una per ciascun senso di marcia. Il blocco scala-ascensore che saranno di larghezza pari a due moduli da 2.50 ml e della rampa circolare del parcheggio.A senso unico saranno anche concepita le corsie interne, per minimizzare i tempi di attesa nella ricerca del posto auto.La scelta tipologica, stante la lunghezza delle campate, aiuterà a conferire un aspetto di leggerezza. Una costruzione luminosa ed aperta permette di trasmettere agli utenti un elevato senso di sicurezza. Tragitti ben visibili, assenza di pilastri interposti tra le auto in sosta e posti auto ben evidenziati contribuiscono a creare una positiva sensazione di accoglienza. Particolare attenzione è stata prestata alla viabilità interna  la quale si basa essenzialmente sui seguenti aspetti: fluida connessione dell’area esterna alla zona d’ingresso, chiaro sistema di indirizzamento sulle rampe, arrivo al posto auto e comodo passaggio a piedi dal posto auto all’uscita.Inoltre per evitare il “ disorientamento”  in una struttura che si manifesterà  in maniera univoca in tutti i suoi livelli, sarà previsto sistema cromatico differenziato per piani, in modo che risulti più semplice risalire alla collocazione della propria autovettura  dopo averla parcheggiata, gli stessi controsoffitti saranno realizzati da lastre in calcio silicato idrato rinforzato REI 90.Altro intervento indispensabile a servizio della Stazione ferroviaria e della città è la realizzazione della strada di collegamento del parcheggio con via Cerveteri. Per effettuare quest’operazione sarà necessaria la realizzazione di muri di contenimento di altezza variabile, lungo il tragitto della strada, necessità dettata dalla differenza di quota tra il parcheggio attuale e via Cerveteri.Gli interventi previsti sono di impatto ridotto e certamente accettabili e compatibili, in quanto trattasi di un tracciato con opere edilizie limitate ai soli interventi di delimitazione e contenimento del tracciato aventi dimensioni alquanto modeste: due carreggiate  di 3,25 m , peraltro in vicinanza di una infrastruttura di impatto maggiore, quale la linea ferroviaria.

 

 

 

Dettagli

 

 

  • Cliente: Comune di Manziana (RM)
  • Anno: 2010
  • Team: Di Girolamo Engineering s.r.l.
  • Ruolo svolto: Progettazione Preliminare, Definitiva e Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione
  • Importo Progetto : € 2.150.000,00