Realizzazione della nuova scuola d’infanzia a completamento della Cittadella Scolastica

 

 

 

Descrizione Progetto

L’intervento progettato, riguarda sia  la progettazione della nuova scuola materna a completamento della cittadella scolastica , per la quale  è stata  definita una struttura in legno, in conformità a quanto previsto dal disciplinare , sia la sistemazione dell’area esterna, il tutto concepito ed integrato all’interno di un progetto più ampio di riqualificazione dell’intera area  per la realizzazione di un parco fluviale lungo l’Arno in vista della futura  realizzazione  di un’area verde esterna alle scuole elementari e l’imminente realizzazione della pista ciclopedonale lungo l’Arno.

In conformità a quanto previsto dal disciplinare di gara,oltre che  alle LINEE GUIDA MIUR 2013 (Norme tecniche-quadro, contenenti gli indici minimi e massimi di funzionalita’ urbanistica, edilizia, anche con riferimento alle tecnologie in materia di efficienza e risparmio energetico e produzione da fonti energetiche rinnovabili, e didattica indispensabili a garantire indirizzi progettuali di riferimento adeguati e omogenei sul territorio nazionale)al fine di garantire i massimi livelli di qualità e benessere, sono stati progettati  ambienti didattici innovativi, a partire dalle esigenze pedagogiche e didattiche, attraverso una progettazione eco-orientata e sostenibile in termini globali, ovvero sia dal punto di vista ambientale, energetico, sociale ed economico; tenendo presente la rapidità di costruzione delle tecnologie individuate, riciclabilità dei componenti e dei materiali di base, alte prestazioni energetiche, utilizzo di fonti rinnovabili, facilità di manutenzione;  relazione della soluzione progettuale con l’ambiente naturale, con il paesaggio e con il contesto di riferimento. In particolare, gli spazi verdi e l’ambiente naturale sono stati progettati in continuità o comunque facilmente accessibili agli spazi della didattica quotidiana formando in tal modo una estensione concretamente fruibile dell’ambiente educativo integrato della scuola. La permeabilità e flessibilità degli spazi, la fruibilità di tutti gli ambienti, la concezione dell’edificio come strumento educativo finalizzato allo sviluppo delle competenze sia tecniche che sensoriali,  permette un’organizzazione didattica diversificata e funzionale ad attività differenziate sia  per il lavoro di gruppo che individuale.

  • Flessibilità’

La tecnologia costruttiva adottata, e la concezione modulare dell’intero progetto, garantiscono, ad ogni singolo ambiente, in special modo a quello dedicato alle aule, dove sono previste oltre alle normali attività, attività libere ed ordinate, di aumentare il tempo di utilizzo delle stesse grazie alla possibilità di riconfigurazione dello spazio finalizzata allo svolgimento delle diverse attività. La possibilità di riconvertire un ambiente garantisce la possibilità di poter utilizzare uno spazio per l’intera durata del tempo disponibile eliminando tempi morti. Inoltre, i connettivi tra le diverse unità spaziali, non sono meri spazi di passaggio, ma diventano essi stessi luoghi fruibili dalla comunità scolastica per lo svolgimento di attività didattiche e di quelle libere. Alcuni di questi spazi sono stati progettati in modo da fungere da elemento filtrante tra interno ed esterno, coperti, ma non chiusi, in modo da garantire protezione dagli agenti atmosferici, ma al contempo da risultare uno spazio a diretto contatto con l’ambiente esterno ed il paesaggio circostante.

  • Minimizzazione dell’impatto ambientale della composizione architettonica sull’orografia del terreno

L’area oggetto dell’intervento si estende su una superficie non completamente pianeggiate. Tale situazione orografica, ha influito in modo sostanziale rispetto alla configurazione spaziale dell’edificio, alla determinazione degli accessi, alla determinazione della quota di imposta del fabbricato, al fine di minimizzare la quantità di scavo di terreno e la relativa movimentazione.

Il progetto pertanto si adatta perfettamente all’orografia del terreno.

Anche nella scelta delle tecnologie costruttive, in particolare riferite alle fondazioni, si è tenuto conto delle relative caratteristiche fisiche/chimiche/ meccaniche del terreno, tenendo in considerazione i diversi aspetti geologici ed idrogeologici.

Le fondazioni sono a travi rovesce in calcestruzzo armato con piastre in acciaio per attacco struttura portante in legno lamellare

 

  • Sostenibilità ambientale e benessere psico – fisico

Il contesto in cui si inserisce la nuova Scuola, trova i suoi iconemi, (unità elementari di percezione), nel paesaggio fluviale, urbano e naturale.  La stretta relazione profonda tra educazione e senso del territorio è propria di queste “terre”. Il Concept (idea progetto) nasce proprio dal contesto naturale in cui la nuova scuola materna è inserita: gli alberi, i cui filari vengono moltiplicati dalla verticalità della struttura, scandita da elementi portanti in legno che sembrano ricordare e far dialogare la struttura scolastica con gli alberi ad alto fusto del paesaggio circostante. Grazie a questo studio per il quale il sito, il paesaggio, il contesto e la struttura sono integrati tra loro, la scuola non è più rappresentata come un volume monolitico e compatto ma le viene conferita leggerezza e semplicità.  L’idea innovativa della progettazione, ha come principio fondamentale il riguardo dell’ambiente circostante nel rispetto della natura e sostenibilità ambientale. Il volume della struttura, con i suoi ampi spazi trasparenti, risulta inserito in modo equilibrato nello splendido paesaggio e stimola la fantasia dei bambini invitandoli ad uno stile di vita più rispettoso verso la natura.  Stessa cura abbiamo riposto nel rispetto della scelta materica: ogni elemento è a basso impatto ambientale in conformità ai Criteri Ambientali Minimi (CAM) di cui ai Decreti del Ministro dell’Ambiente  D.M. 24/12/2015 (Edilizia) e del  D.M. 07/03/ 2012 (Energia), mediante l’impiego di materiali ed impianti mirati al risparmio energetico, tenendo in considerazione il rispetto delle vigenti norme antisismiche 2008, per cui una corretta progettazione associata a sistemi innovativi consente di ridurre il ricorso agli impianti meccanici.  Ogni spazio della struttura è pensato ed organizzato prendendo in considerazione ogni aspetto sensoriale proprio dei piccoli futuri fruitori della scuola materna: forme, luci, colori e suoni incidono non solo sull’aspetto pedagogico ma anche sull’educazione e sulla crescita del bambino.

Particolare attenzione è stata rivolta alla qualità degli spazi, che hanno per i bambini, un ruolo fondamentale e di maggiore attenzione per la loro educazione.Il rapporto tra la scuola materna e il bosco crea complicità tra utenti e ambienti progettati: caldi, accoglienti ma al contempo spalancati verso l’esterno, delicati e leggiadri.  Tutto il contesto diventa strumento di narrazione e apprendimento per la scoperta del mondo e della natura: gli spazi morbidi e i colori caldi del legno ricordano un rifugio tranquillo, protetto, caldo e sicuro nel quale il bambino si sente libero di muovere i primi passi verso la crescita e la conoscenza, a proprio modo ed esprimendo le proprie peculiarità nell’esplorare luoghi complessi e familiari allo stesso tempo.   Non solo le aule ma anche le zone di connessione e i corridoi possono essere vissuti con il piacere e lo stupore tipico dei bambini. In questi percorsi possono relazionarsi con gli altri, fermarsi o emozionarsi di fronte alle trasparenti vetrate oltre le quali osservare il mondo o sbirciare le attività e i giochi degli altri utenti della scuola esistente. L’intento del progetto è quello di suscitare emozioni attraverso la trasparenza degli ambienti dell’involucro scolastico, all’organizzazione degli spazi ed alla scelta degli elementi materici, tenendo conto degli aspetti pedagogici ed educativi legati alla crescita del bambino.

La semplicità è il concetto base di questo progetto e il legno è il materiale che funge da elemento chiave tra aree interne chiuse e l’esterno. L’interazione dentro fuori si riflette nello stimolo delle percezioni sensoriali legate a luci, colori, suoni e suggestioni tattili. Il materiale a basso impatto ambientale introdotto, utilizzato per la struttura portante a telai permette di mantenere  l’isolamento termico dell’edificio.  Lo studio del sito e dei suoi fattori naturali ha permesso di ridurre al minimo il ricorso agli impianti meccanici garantendo in ogni periodo dell’anno l’adeguato comfort intero attraverso coibentazione dell’involucro e ottimale distribuzione delle superfici trasparenti (trasparenza minima sul fronte est, ovest e nord e massima al sud).Ulteriore considerazione di progettazione in merito al fattore di luce è il raggiungimento negli spazi educativi del fattore di una buona percentuale di luce diurna. Ciò sarà possibile grazie all’ottimizzazione delle superfici trasparenti e all’inserimento di lucernari in copertura.

 

 

Dettagli

 

 

  • Committente: Comune di Pratovecchio Stia – Arezzo
  • Anno: 2017
  • Team: Di Girolamo Engineering s.r.l.
  • Ruolo svolto: Progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva
  • Importo Lavori: € 1.483.000,00